Il prestito vitalizio ipotecario, introdotto già dal 2005, consente ai soggetti over 60 di “convertire” il valore teorico della propria abitazione in contanti, stipulando un contratto di finanziamento con una banca / intermediario finanziario che iscrive su tale immobile ipoteca di primo grado. Tale istituto è stato oggetto di una recente modifica legislativa la cui applicazione è rimasta in stand by a causa della mancata emanazione del Decreto attuativo. Recentemente è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto contenente le regole per l’offerta del prestito vitalizio ipotecario, i casi e le formalità che comportano una “riduzione significativa del valore di mercato dell’immobile” tale da giustificare la restituzione del finanziamento.